Un amore

“All’improvviso non ci sarà più niente di falso, di taciuto, di nascosto, di vile, di meschino. Le braccia tenute su come due piccole ali ripiegate, i fianchi ondulanti nello scatto del saltello, la faccia chiusa in un sorriso immobile che non è più suo ma della musica stessa, ingenuo pensiero di cose belle, orgoglio di…

Read More
Università di Verona contro il congresso delle famiglie: dell’utilità di studiare

Lezione di Filosofia politica, Università statale di Milano. Uno studente chiede al professore quale sia l’utilità di studiare i classici del pensiero politico, di  interrogarsi sulla costituzione migliore, di ragionare sulle discontinuità del nostro tempo, se proprio questo tempo in cui ci è dato vivere vede un incredibile degrado della discussione politica e l’interesse alla…

Read More
Le urla in cui riconobbi la guerra

Una domenica invernale di qualche mese fa andavo a vedere lo spettacolo “Ridi Rwanda ridi” al Teatro Officina.  Il Teatro officina è una di quelle piccole realtà di quartiere, la cui bellezza non può che smuovere in te qualcosa di dormiente. L’ostinazione, l’impegno, la profonda serietà con cui in questo luogo si fa cultura è…

Read More
Che tutte le acque ci riguardino

Sono morte centodiciassette persone nel mar Mediterraneo, nella mattinata di venerdì 19 gennaio 2019. Il gommone che le trasportava è affondato, portandosi dietro quell’umanità disperata, incapace di mantenersi a galla. Lo ha fatto in acque libiche, giustificando così la nostra estraneità ai fatti, la nostra totale indifferenza e addirittura il ghigno soddisfatto di chi, in…

Read More
Il monopolio del grano

David Wark Griffith è un regista statunitense che si affaccia al cinema nel 1907. Ci si affaccia e lo stravolge, ponendo le basi del cinema moderno. La rilevanza del suo lavoro non sfugge nemmeno allo stesso Griffith il quale,  modestia a parte, pubblica un annuncio sul New York dramatic Mirror in cui dichiara di “aver…

Read More
Di nuovi sofisti e ossessioni identitarie

L'ignoranza dei dotti li porta a ritenere che i popoli artefici di arte sovrumana sian tali per caso.Ciò, perché i calcoli della loro scienza ne ignoran la causa.Ma io vi dico che mischiando popoli quei prodigi non si ripeteranno.Si preservi il nostro genio, o non si ripeterà. — Il Sofista (@intuslegens) June 23, 2018 Quando…

Read More